Pasolini al «Corriere della Sera» – sfruttare le polemiche

Pasolini al «Corriere della Sera» – sfruttare le polemiche

“ERETICO & CORSARO”
Corriere della Sera – 10 giugno 1974
Pasolini al «Corriere della Sera»  sfruttare le polemiche
di Valerio Valentini
Ho definito quella di Pasolini collaboratore del «Corriere della Sera» come la “poetica dell’urgenza”. Le principali caratteristiche di questa poetica – veemenza, radicalità, tendenza alla reiterazione – emergono soprattutto dal dialogo con gli altri intellettuali. Negli ultimi tre anni della sua vita Pasolini modifica sensibilmente il modo di intendere il suo rapporto con scrittori, giornalisti ed esponenti politici, assumendosi ora tutto il peso della polemica e del dibattito, spesso aspri, che i suoi scritti provocano. Se è vero che il gusto della provocazione e la voluttà nell’affrontare in maniera stravagante temi delicati sono attributi peculiari di tutta la carriera di Pasolini – viene da dire: della sua indole – è altrettanto vero che, per tutti gli anni ’50 e ‘60, quegli attributi si manifestavano attraverso opere artistiche di cui un’ampia parte di pubblico a stento comprendeva implicazioni e valenze sociali e politiche… Clicca qui.
Pasolini al «Corriere della Sera» – sfruttare le polemicheultima modifica: 2014-03-15T20:22:20+00:00da corvo710
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Pasolini Corsaro e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento